ULTIME NOTIZIE

mercoledì 8 ottobre 2014

Più Territori - I diritti dell’uomo passano per la cooperazione

Mentre in Italia si discute sulla liceità del riconoscimento nel nostro Paese del matrimonio intercorso tra persone dello stesso sesso all'estero, viene spontaneo chiederci cosa siano i diritti umani di cui molto spesso si parla non conoscendone il profondo significato.
In realtà a differenza di quanto comunemente si pensa, i diritti dell'uomo possono essere descritti come una branca del diritto e una concezione filosofico-politica e tra questi ricordiamo: il diritto alla libertà individuale, alla vita, all'autodeterminazione, ad un giusto processo, ad una vita dignitosa, alla libertà religiosa, alla protezione dei propri dati sensibili e al voto.
Come è facile immaginare con il progredire della società e delle economie anche i diritti umani sembrano ormai essere sempre in fase di revisione e rivoluzione ed è così che si cerca di giungere a nuove soluzioni anche attraverso la cooperazione umanitaria internazionale che dovrebbe diventare la nuova risposta alle esigenze e necessità delle generazione future.
In realtà vi è ancora molto da fare in numerosi Paesi del mondo per raggiungere quelli che sarebbero i diritti minimi ed indiscutibili per l’uomo. Ed è così che sono nati organismi che si occupano del riconoscimento di questa importante branca del diritto e altrettanti sono i convegni e i forum che si susseguono sull'argomento per cercare di dialogare su quelle che potrebbero essere azioni comuni. L’ultimo forum in ordine di tempo è quello che si è svolto a Baku (si tratta del quarto Baku International Humanitarian Forum  realizzato in Azerbaijan) nel quale la dichiarazione finale, adottata il 3 ottobre, alla presenza di più di 500 ospiti provenienti da oltre 60 paesi, compresa l’Italia, ha ribadito che "Riconosciamo che il Forum umanitario tenutosi a Baku, costituisce un importante contributo allo sviluppo del multiculturalismo, sulla base di prassi umanitaria come valore fondamentale dell'era post- moderna ".

Ci chiediamo se realmente, come è stato sottolineato in Azerbaijan, la vera strada per il riconoscimento dei diritti dell’uomo non passi veramente per una nuova via, quella della tolleranza e del rispetto reciproco, per risolvere insieme quelle sfide globali e locali che ancora ci attanagliano.


G.M.

Più News - Magazine di Informazione

Più News - Testata giornalistica registrata presso Tribunale di Busto Arsizio n.01/2014 - Direttore Responsabile: Giulia Macchi. Per scrivere alla redazione, per una segnalazione o per un comunicato stampa, CLICCA QUI.

Posta un commento

 
Copyright © 2013 Più News - Magazine di informazione
Design by Studio Eremita 2.0| P.Iva 03919000616